DDL ZAN: CONTINUA LA BATTAGLIA – SVENTATO BLITZ IN SCUOLE LAZIO - di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 21 maggio 2021

 

Prosegue nel Paese la battaglia sul ddl Zan: contromosse del centro-destra, copertina de ‘L’Espresso’, ritorno delle ‘Sentinelle in piedi’, camion vela e  banchetti di ‘Pro Vita &Famiglia’ – Nel Lazio bloccato per il momento il tentativo di colorare di arcobaleno tutte le scuole, imponendo de facto l’ideologia gender dalla scuola materna alla media superiore – ‘Marcia per la Vita’ a Roma sabato il 22 maggio.

DDL ZAN/ MURGIA, MERLO, LA CAMPAGNA DI VANITY FAIR,  CREPE A SINISTRA - di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 18 aprile 2021

 

Martedì 20 aprile sarà deciso l’iter in Senato del disegno di legge Zan ‘ contro l’omotransfobia’. Prosegue il dibattito, molto acceso. Un’osservazione illuminante di Michela Murgia. Francesco Merlo continua a insultare i parlamentari contro il ddl. La rivista patinata Vanity Fair sulle barricate rosso-arcobaleno. Qualche dissenso nel centro-destra, crepe serie nel centro-sinistra.

DDL ZAN INCARDINATO IN COMMISSIONE, NOTA CEI, CONCITA DE GREGORIO – di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 29 aprile 2021

 

La Commissione Giustizia del Senato italiano ha approvato mercoledì 28 aprile con 13 sì contro 11 no la calendarizzazione del disegno di legge Zan ‘contro l’omotransfobia’ approvato alla Camera il 4 novembre 2020. Le previsioni. La nuova nota – de facto mollacciona - della presidenza della Cei. Reazioni varie. Concita De Gregorio e la democrazia.

VENTO DI FOLLIA/IL MERLO DI REPUBBLICA-L’ULIVO DI BATTAGLIA–di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 29 marzo 2021

 

Le restrizioni a diverse libertà individuali - che ci accompagnano ormai da oltre un anno - hanno già prodotto (o aggravato), producono e produrranno in misura sempre più massiccia danni gravi alla psiche di non pochi italiani: non solo per scolari e studenti cui irresponsabilmente è stata, è e verrà forse ancora negata l’esperienza adolescenziale. Come dimostrano tra l’altro due casi penosi illustrati nell’articolo.