LEGGE OMOFOBIA: ANCORA NON C’E’, MA E’ COME SE CI FOSSE GIA’ - di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 26 luglio 2020

 

Continua l’esame del disegno di legge Zan presso la Commissione Giustizia della Camera dei deputati. Approvato un emendamento cosiddetto ‘salva-idee”, ma in realtà solo una foglia di fico.  In Aula forse solo dal 3 agosto, grazie all’ostruzionismo di Lega e Fratelli d’Italia. Intanto crescono in tutta Italia gli episodi di intolleranza contro chi dissente pubblicamente dalla norma. Un prete con la schiena diritta: don Calogero D’Ugo, parroco a Belmonte Mezzagno (Palermo).

SANITA’: CHE SUCCEDE A ONCOLOGIA PEDIATRICA DELL’UMBERTO I? - di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 15 luglio 2020

 

Ancora chiuso il reparto di oncologia pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma. Giochi di potere o economici in corso sulla pelle dei piccoli degenti? Anche se attualmente molto impegnato nel promuovere il disegno di legge liberticida “contro l’omotransfobia”, trovi il tempo di intervenire subito Nicola Zingaretti, ‘governatore’ del Lazio e primo responsabile della sanità laziale.

BASSETTI SCONFESSA AVVENIRE, MANIF, LIZZANO (CON PREMESSA POLACCA) - di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 17 luglio 2020

 

Il presidente della Cei ribadisce proprio  sull ‘Avvenire’  che le leggi attuali sono già adeguate a difendere le persone omosessuali dalle prevaricazioni. Intanto proseguono in tutta Italia le manifestazioni contro il disegno di legge Zan: il 16 luglio in centinaia sono convenuti a piazza Montecitorio. Grave episodio a Lizzano (Taranto). Nella premessa la vittoria polacca di Duda, che ha intristito ‘Avvenire’

OMOFOBIA/DITTATURA LGBT LODA CHIESA E AVVENIRE – di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 1 luglio 2020

 

Presentato martedì sera 30 giugno in Commissione Giustizia della Camera il testo unificato del disegno di legge contro l’ ‘omotransfobia’ e (nuova buffonata) la misoginia. Nell’introduzione il relatore Alessandro Zan (pd, nota lobby) evidenzia – citando ‘Avvenire’ – le ‘aperture’ della Chiesa italiana. Nell’ ‘Avvenire’ di mercoledì primo luglio Luciano Moia dà così il meglio di sé.