DIALOGO/SUL DOCUMENTO RABBINICO “TRA GERUSALEMME E ROMA” – di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 2 settembre 2017

 

Offerto a papa Francesco in occasione dell’udienza del 31 agosto, è di grande importanza sia perché – frutto di un lungo travaglio interno - esprime la posizione ufficiale di larga parte del rabbinato ortodosso sugli odierni rapporti con la Chiesa cattolica sia perché nei suoi contenuti incoraggia autorevolmente il dialogo fecondo – pur se non a livello teologico – con la Chiesa Cattolica, la quale dal Concilio Vaticano II  ha di certo modificato in profondità il suo atteggiamento verso l’ebraismo.

 

ALLA SAPIENZA DI ROMA Il SESTO DIBATTITO ACCATTOLI-RUSCONI – di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 7 luglio 2017

 

Martedì 27 giugno la Cappellania universitaria de ‘La Sapienza’ ha ospitato il sesto e ultimo dibattito della stagione tra Luigi Accattoli e Giuseppe Rusconi. Tra i temi le parole del Papa sul lavoro (Genova), la figura di don Milani, il Concistoro e – argomento ricorrente – le conseguenze della libertà di parola di cui Jorge Mario Bergoglio/papa Francesco fa ampio uso non senza provocare gravi perplessità tra molti cattolici.

 

NOTE SPARSE E UNA LUCIDA E AMARA INTERVISTA DI MARCELLO PERA – di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 18 luglio 2017

 

 

Mentre la situazione di confusione nel mondo cattolico si aggrava di giorno in giorno (basti pensare ad esempio all’approccio di ‘Avvenire’ sul tema dei migranti o al triste caso dell’Agesci di Staranzano, del vice-parroco e dell’arcivescovo di Gorizia), una bella occasione di riflessione seria è offerta dall’ampia intervista rilasciata dall’ex-presidente del Senato, il laico cristiano Marcello Pera, a “Il Mattino” di Napoli su papa Bergoglio in veste di politico a trecentosessanta gradi.

 

Il CASO CHARLIE GARD: DOLORE E INDIGNAZIONE PLURIMI – di GIUSEPPE RUSCONI – www.rossoporpora.org – 2 luglio 2017

 

Alcune considerazioni sul caso del bambino condannato a morte dai giudici inglesi e dalla Corte del Consiglio d’Europa. Le forti reazioni di tanti laici cattolici e di qualche ecclesiastico. Le reazioni pilatesche di altri ecclesiastici. Che fine ha fatto dentro il Vaticano e in sede Cei il “Ci alzeremo in piedi” di Giovanni Paolo II?L’ “Osservatore” a scoppio ritardato, mentre l’ “Avvenire” dà spazio al dramma di Charlie Gard, ma con un approccio molto ‘british’: per il quotidiano galantino e catto-fluido la vera battaglia è quella per l’accoglienza dei migranti.